Tag: Vangelo del giorno

Ci sono 241 risultati per "Vangelo del giorno"
Commento al Vangelo: Comprendere le Scritture

Commento al Vangelo: Comprendere le Scritture

Vangelo e commento della 3ª domenica di Pasqua. «Bisogna che si compiano tutte le cose scritte»: quelle cose sono state scritte affinché si compissero. Leggere e studiare con passione la sacra Scrittura vuol dire crescere nell’amore e nella conoscenza di Gesù.

Commento al Vangelo: Abituarsi alla logica di Dio

Commento al Vangelo: Abituarsi alla logica di Dio

Vangelo e commento del lunedì della 2ª settimana di Pasqua. Gesù utilizza la curiosità di Nicodemo, un giudeo importante, per invitarlo a lasciare i suoi schemi mentali e imparare la logica divina, che è caratterizzata da una vita attenta alle mozioni che lo Spirito Santo vuole comunicarci.

Commento al Vangelo: Apostoli con molte mancanze

Commento al Vangelo: Apostoli con molte mancanze

Vangelo e commento del sabato fra l’Ottava di Pasqua. La mancanza di fede degli apostoli non costituisce un ostacolo perché Gesù li incarichi di una tale missione. Chiediamo allo Spirito Santo che trasformi le nostre mancanze e le nostre debolezze personali in occasioni di amare di più Gesù e gli altri.

Commento al Vangelo: La pesca miracolosa

Commento al Vangelo: La pesca miracolosa

Vangelo e commento del venerdì fra l’ottava di Pasqua. Dopo un’intera notte di fatica, apparentemente inutile dato che stanno rientrando con le reti vuote, a Dio basta un istante per regalare ai discepoli molto di più di quello che potevano aver sperato. Dio è l’autore della grazia.

Commento al Vangelo: Le Piaghe gloriose

Commento al Vangelo: Le Piaghe gloriose

Vangelo e commento del giovedì fra l’ottava di Pasqua. Gesù risorto ci invita a contemplare le piaghe gloriose delle sue mani e dei piedi. Desidera che non dimentichiamo mai quanto ci ha amati, perchè siamo stati guariti dalle sue piaghe.

Commento al Vangelo: Gesù è vivo!

Commento al Vangelo: Gesù è vivo!

Vangelo e commento della Domenica di Pasqua. Gesù è vivo! Per leggere i segnali che Dio ci dà della sua presenza, è necessario che accogliamo il dono della fede. Da parte nostra possiamo impegnarci sinceramente a cercare il Signore, come hanno fatto Maria Maddalena, Giovanni e Pietro la domenica di Pasqua.