Preghiera e digiuno con papa Francesco (14 maggio)

Papa Francesco ha invitato tutti i fedeli ad unirsi in una giornata di preghiera e di digiuno il 14 maggio prossimo, per pregare Dio per la fine dell'epidemia di coronavirus.

Vorrei ricordarvi che il 14 maggio i credenti di tutte le religioni sono invitati ad unirsi spiritualmente in una giornata di preghiera, digiuno e opere di carità, per implorare Dio di aiutare l’umanità a superare la #pandemia di coronavirus. #HumanFraternity #PreghiamoInsieme

Papa Francesco ha così ricordato su Twitter il suo sostegno alla proposta dell'Alto Comitato per la Fratellanza Umana, affinché il 14 maggio i credenti di tutte le religioni si uniscano spiritualmente in una giornata di preghiera e di digiuno, per implorare Dio di aiutare l'umanità a superare il #coronavirus. Anche il prelato dell'Opus Dei ha suggerito di partecipare a questa giornata.

L'Alto Comitato per la Fratellanza Umana è composto da leader religiosi che si ispirano allo storico documento di Abu Dhabi firmato da Papa Francesco e dal grande Imam di A-Azhar, Al-Tayyeb. Il 2 maggio scorso questo Comitato ha pubblicato un messaggio intitolato "Preghiera per l'umanità", invitando le persone a rivolgersi a Dio attraverso la preghiera e la supplica, ognuno dal proprio posto e secondo la propria religione, credo o dottrina, per chiedere la scomparsa della pandemia di Covid-19.

"Oltre ad affermare il nostro credo nell'importanza del ruolo della medicina e della ricerca scientifica nella cura di questa pandemia - si legge nel messaggio - non dimentichiamo di rivolgerci a Dio, il Creatore, in questa grande crisi".

Preghiera e supplica a Dio di eliminare questa pandemia

L'Alto Comitato invita "tutti gli individui a rivolgersi a Dio attraverso la preghiera e la supplica, con il digiuno e le opere di misericordia, dal loro posto e secondo la loro religione, il loro credo o la loro dottrina, affinché Dio possa eliminare questa pandemia, aiutarci a uscire da questa afflizione, ispirare gli scienziati a scoprire una medicina che metta fine ad essa, salvare il mondo dalle conseguenze sanitarie, economiche e umane dovute al diffondersi di questa pericolosa pandemia".

Per questo motivo il Santo Padre ci ha invitato ad unirci, il prossimo giovedì 14 maggio, in una giornata di preghiera e di supplica per l'umanità.