Aspettando la “simpatica invasione”

Civitavecchia si è preparata ad accogliere oltre diecimila partecipanti alla canonizzazione del Beato Josemaría Escrivá con un incontro, organizzato dal Comune, sulla figura del nuovo santo. Erano presenti il Sindaco della città, dott. Alessio De Sio, il Vescovo, Mons. Girolamo Grillo e il dott. Aldo Capucci, giornalista.

Il 25 settembre, nel Teatro Comunale di Civitavecchia, si è svolto un incontro, organizzato dal Comune, sulla figura del Beato Josemaría Escrivá. Lo scopo, fra l’altro, era quello di informare la cittadinanza e prepararla alla simpatica “invasione” dei circa diecimila partecipanti alla canonizzazione che arriveranno al Porto di Civitavecchia in nave, provenienti dalla Sardegna (su traghetti di linea), dalla Sicilia, da Marsiglia, da Valencia e da Barcellona su navi organizzate per l’occasione.

All’incontro, molto affollato, hanno partecipato il Sindaco della città, dott. Alessio De Sio, e il Vescovo, Mons. Girolamo Grillo. Il Vescovo ha preso la parola ricordando di avere personalmente conosciuto il Beato Josemaría Escrivá negli anni ’60, quando lavorava alla Segreteria di Stato, e di essere rimasto molto colpito dalla sua figura e dalla serenità che emanava dalla sua persona. Dopo una relazione esplicativa sul messaggio del Beato, ad opera del dott. Aldo Capucci, curatore dell’edizione italiana della importante biografia su Josemaría Escrivá, “Il Fondatore dell’Opus Dei”, di Andrés Vázquez de Prada, tuttora in corso di pubblicazione, è stato proiettato il documentario “La grandezza della vita quotidiana”, di Alberto Michelini.

Dopo la proiezione il Sindaco è intervenuto per sottolineare di essere rimasto colpito dall’espressione “degli occhi del Fondatore dell’Opus Dei, occhi di una persona felice, che sa trasmettere serenità e forza a noi cristiani”. Il Sindaco ha poi aggiunto di avere preso la decisione di intitolare al nuovo santo una grande piazza della città, che peraltro ha già stabilito di intitolare a Josemaría Escrivá anche la nuova banchina crocieristica.