Carta de Mons. Escrivá de Balaguer a Su Santidad Pablo VI; 14-11-1964.

“El itinerario jurídico del Opus Dei. Historia y defensa de un carisma”. Libro escrito por A. de Fuenmayor, V. Gómez-Iglesias y J. L. Illanes

RHF, E17-640214-2.

Opus Dei

Il Presidente Generale

Roma, li 14 febbraio 1964

Beatissimo Padre,

con cuore grato e commosso sono a ripeterLe la gioia e i sentimenti di filiale e devoto affetto per la recente Udienza accordatami.

L'averLa potuta avvicinare e ascoltare, l'aver sentito il Suo sguardo paterno e amabile, l'aver raccolto la Sua benedizione per tutta l'Opera, ben mi hanno ripagato dei 36 anni di servizio alla Santa Madre Chiesa attraverso la mia vocazione all'Opus Dei. Mi sembrava di rivedere l'amabile sorriso e di riascoltare le benevole parole d'incoraggiamento -furono le prime che ascoltai nel Vaticano- di S. E. Mons. Montini, nel giá lontano 1946: ma adesso era Pietro a sorridere, a parlare, a benedire!

Sono lieto d'inviarLe, secondo il desiderio espressomi, un volumetto contenente lo Ius peculiare dell'Opus Dei (Costituzioni), al quale mi compiaccio di unirne un altro riguardante lo spirito dell'Opera, affinché meglio possa conoscerne il tessuto interiore che l'anima.

Unisco altresi un appunto, nel quale si mettono brevemente in risalto alcune note caratteristiche e salienti dell'Associazione e si registrano alcune esperienze, che ritengo doveroso segnalare all'attenzione della Santitá Vostra. Come allegato a questo appunto, penso infine opportuno rimetterLe, per le interessanti riflessioni che vi sono contenute, fotocopia di qualche pagina del libro del Card. Suenens "Promotion apostolique de la religieuse", recentemente dato alía stampa. Invio il tutto con gioia e con spirito di obbedienza.

Per quanto concerne l'assetto giuridico dell'Opus Dei, tengo a ribadire quanto ebbi occasione di dirLe a viva voce e cioé che non abbiamo fretta: tuttavia é grande la nostra speranza nel definitivo auspicato ordinamento, per assicurare la migliore esplicazione della nostra specifica vocazione nonché il miglior rendimento del nostro servizio filiale alla Chiesa. La nostra ansia spirituale é perfettamente compatibile con la pace e la fiducia derivanti dalla fede, dall'amore e dalla speranza nena Santa Chiesa di Dio e nel Papa.

L'occasione mi fa ardito -consapevole come sono della reale difficoltá dell'accoglimento della mia preghiera- per dire alla Santitá Vostra che sarebbe un grande conforto e un grande beneficio, per l'anima mia e per i molti figli dell'Opus Dei, se mi fosse data di quando in quando occasione di una viva Sua parola d'incoraggiamento e di guida, come mi venne offerta nella recente indimenticabile Udienza.

Mentre invoco dalla Santitá Vostra il conforto della benedizione apostolica su tutti i Suoi figli dell'Opus Dei e su tutti gli apostolati perseguiti dall'Opera, assicurando la costante preghiera di tutti per la Sua Persona e per le Sue intenzioni, mi confermo della Santitá Vostra

devotissimo e ubbidientissimo figlio

Josemaría Escrivá de B.

A Sua Santitá il

Santo Padre Paolo VI

CITTA' DEL VATICANO

  • A. de Fuenmayor, V. Gómez-Iglesias y J. L. Illanes