La forza di Dio

Video

Il 23 marzo di 25 anni fa il beato Álvaro tornava alla casa del Padre. Lo vogliamo ricordare con queste sue parole durante un incontro famigliare del...

San Giuseppe e la sua croce

Dall'Opus Dei
San Giuseppe e la sua croce

A san Giuseppe fu affidata Maria, in maniera analoga a come il giovane apostolo san Giovanni accoglie con sé la madre di Gesù. Un approfondimento di...

Newsletter

Se desideri iscriverti alla nostra newsletter per favore specifica il tuo indirizzo mail.

Il tuo indirizzo mail viene da noi usato solo per inviarti la nostra newsletter, in accordo alle norme sulla privacy. Puoi eliminare la tua iscrizione in qualunque momento.

Privacy policy and cookies

Opus Dei in Svizzera

Una breve storia dell’Opus Dei in Svizzera

Nell’ottobre del 1956 arrivarono a Zurigo dall’Italia due giovani per aprire il primo centro dell’Opus Dei nel nostro paese

Governo
Governo dell'Opus Dei
Iniziative apostoliche
Dove trovarci
OPUS DEI
Il fondatore dell’Opus Dei e la Svizzera
Cause di Canonizzazione
Toni Zweifel

Novembre: Dio e la vita eterna

Le cause di canonizzazione

La sezione dedicata alle cause di canonizzazione. Qui si possono trovare testimonianze, racconti, notizie dalle cause, preghiere e favori ricevuti.

Perchè preghiamo per i defunti?

Ricordiamo alcuni insegnamenti del Catechismo della Chiesa Cattolica sulla consuetudine di pregare per i famigliari e gli amici defunti.

ebook scaricabili gratuitamente

Lettere e messaggi del Prelato

Messaggio del prelato (7 marzo 2019)

I cristiani devono 'sentire cum Ecclesia', Popolo di Dio e Corpo di Cristo.

Carissimi, Gesù mi protegga le mie figlie e i miei figli!

San Josemaría ci esortava, con la sua parola e con il suo esempio, a sentire cum Ecclesia, a vivere in piena sintonia con la Chiesa. Una sintonia che ci porta a rallegrarci per le sue gioie e a soffrire per le sue sofferenze.

In anni difficili, nei quali san Paolo VI arrivò a dire che «il fumo del demonio ...

Testo del giorno

“Amare significa ricominciare ogni giorno a servire, con segni operativi di affetto”

Questi giorni mi dicevi sono trascorsi più felici che mai. E ti ho risposto senza esitazione: perché «hai vissuto» un po' più donato del solito. (Solco, 7)

Ricordate la parabola dei talenti. Il servo che ne aveva ricevuto uno, poteva — come i suoi compagni — impiegarlo bene, farlo fruttare, applicando le sue capacità. Invece che cosa decide? Ha paura di perderlo, e va bene. Ma poi? Lo sotterra! [Cfr Mt 25, 18], Così non dà frutto.

Deve farci riflettere questo esempio di timore malsano di mettere a frutto ...