La memoria di san Severino

Dall'Opus Dei
La memoria di san Severino

Nella sede centrale dell’Opus Dei, Villa Tevere, sono conservate le reliquie di san Severino, un soldato romano del II o III secolo, martire della...

Un apostolo dell’allegria

Testimonianze
Un apostolo dell’allegria

Fabio era un cooperatore dell’Opus Dei morto alcuni mesi fa a causa di un tumore. Un suo amico ha voluto raccontare la storia della sua famiglia,...

Opus Dei in Svizzera

Opus Dei in Svizzera

Una breve storia dell’Opus Dei in Svizzera

Nell’ottobre del 1956 arrivarono a Zurigo dall’Italia due giovani per aprire il primo centro dell’Opus Dei nel nostro paese

Governo
Governo dell'Opus Dei
Iniziative apostoliche
Dove trovarci
OPUS DEI
Il fondatore dell’Opus Dei e la Svizzera
Cause di Canonizzazione
Toni Zweifel

Novembre: Dio e la vita eterna

Novembre: Dio e la vita eterna

Le cause di canonizzazione

Le cause di canonizzazione

La sezione dedicata alle cause di canonizzazione. Qui si possono trovare testimonianze, racconti, notizie dalle cause, preghiere e favori ricevuti.

Perchè preghiamo per i defunti?

Perchè preghiamo per i defunti?

Ricordiamo alcuni insegnamenti del Catechismo della Chiesa Cattolica sulla consuetudine di pregare per i famigliari e gli amici defunti.

L'attualità su papa Francesco

ebook scaricabili gratuitamente

Lettere e messaggi del Prelato

Messaggio del prelato (4 novembre 2018)

In questo messaggio, il prelato dell’Opus Dei ricorda con la Scrittura che “la nostra speranza è nel Cielo”, una verità che è possibile considerare specialmente nel mese di novembre.

Abbiamo iniziato il mese di novembre celebrando la Solennità di Tutti i Santi e il giorno dopo la Commemorazione dei Fedeli Defunti. Queste date ci ricordano che la nostra speranza è nel Cielo (cfr. Col 1, 5); una speranza che illumina i nostri passi sulla terra. Ci dice che il mondo in cui viviamo un giorno si trasformerà in «nuovi cieli e una nuova terra» (2 Pt 3, 13). Ci ...

Testo del giorno

“Questa è la virtù della castità”

Contro la vita limpida, contro la santa purezza, si erge una grande difficoltà, a cui tutti siamo esposti: il pericolo dell'imborghesimento, nella vita spirituale o nella vita professionale: il pericolo — anche per coloro che sono chiamati da Dio al matrimonio — di sentirsi scapoloni, egoisti, persone senza amore. — Lotta alla radice contro questo rischio, senza concessioni di alcun genere. (Forgia, 89)

Quando si ha lo spirito di Dio, la castità non è un peso molesto e umiliante. E un'affermazione lieta: l'amore, il dominio, la vittoria su di se non vengono dalla carne, né dall'istinto; procedono dalla volontà, soprattutto se è unita alla Volontà del Signore. Per essere casti — e non semplicemente continenti od onesti —, dobbiamo sottomettere le passioni ...