I viaggi pastorali del prelato

Dal Prelato
I viaggi pastorali del prelato

Mons. Fernando Ocáriz si recherà in Spagna, Stati Uniti e Canada per stare con i fedeli e gli amici della prelatura. Comunichiamo le principali tappe...

Newsletter

Se desideri iscriverti alla nostra newsletter per favore specifica il tuo indirizzo mail.

Il tuo indirizzo mail viene da noi usato solo per inviarti la nostra newsletter, in accordo alle norme sulla privacy. Puoi eliminare la tua iscrizione in qualunque momento.

Privacy policy and cookies

Opus Dei in Svizzera

Una breve storia dell’Opus Dei in Svizzera

Nell’ottobre del 1956 arrivarono a Zurigo dall’Italia due giovani per aprire il primo centro dell’Opus Dei nel nostro paese

Governo
Governo dell'Opus Dei
Iniziative apostoliche
Dove trovarci
OPUS DEI
Il fondatore dell’Opus Dei e la Svizzera
Cause di Canonizzazione
Toni Zweifel

Novembre: Dio e la vita eterna

Le cause di canonizzazione

La sezione dedicata alle cause di canonizzazione. Qui si possono trovare testimonianze, racconti, notizie dalle cause, preghiere e favori ricevuti.

Perchè preghiamo per i defunti?

Ricordiamo alcuni insegnamenti del Catechismo della Chiesa Cattolica sulla consuetudine di pregare per i famigliari e gli amici defunti.

ebook scaricabili gratuitamente

Lettere e messaggi del Prelato

Messaggio del prelato (12 luglio 2019)

Nel suo viaggio pastorale negli Stati Uniti e in Canada, mons. Ocáriz ricorda la forza che ha la Comunione dei santi e come possiamo aiutarci e sostenerci, ovunque stiamo.

Carissimi, Gesù mi protegga le mie figlie e i miei figli!

In questi giorni, da quando sono partito da Roma, ho ringraziato specialmente il Signore per quella realtà meravigliosa che è la Comunione dei santi. Con la certezza della fede, ci sentiamo ancor più uniti gli uni agli altri di quanto non comporterebbe la vicinanza fisica.

Quando giungo in un posto, sembra come se noi che ci incontriamo lì fossimo ...

Testo del giorno

“Non voler essere adulto. —Bambino, bambino sempre”

Non voler essere adulto. —Bambino, bambino sempre, anche se stessi per morire di vecchiaia. —Quando un bambino inciampa e cade, nessuno si sorprende...: suo padre si affretta a rialzarlo.

Quando a inciampare e cadere è un adulto, il primo moto è il riso. —A volte, passato quel primo impulso, il ridicolo cede alla pietà. —Ma gli adulti devono rialzarsi da soli.

La tua triste esperienza quotidiana è piena di ostacoli e di cadute. Che sarebbe di te se non fossi sempre più bambino?

Non voler essere adulto —Bambino, e ...