Newsletter

Opus Dei in Svizzera

Una breve storia dell’Opus Dei in Svizzera

Nell’ottobre del 1956 arrivarono a Zurigo dall’Italia due giovani per aprire il primo centro dell’Opus Dei nel nostro paese

Governo
Governo dell'Opus Dei
Iniziative apostoliche
Dove trovarci
OPUS DEI
Il fondatore dell’Opus Dei e la Svizzera
Cause di Canonizzazione
Toni Zweifel

Novembre: Dio e la vita eterna

Le cause di canonizzazione

La sezione dedicata alle cause di canonizzazione. Qui si possono trovare testimonianze, racconti, notizie dalle cause, preghiere e favori ricevuti.

Il Papa spiega il giudizio universale

La storia dell'uomo ha inizio con la creazione e si chiude con il giudizio finale, che può essere "un bell'incontro", perché sarà l'incontro con Gesù. In questa catechesi papa Francesco spiega in cosa consiste il giudizio finale.

Perchè preghiamo per i defunti?

Ecco alcuni insegnamenti del Catechismo della Chiesa Cattolica che approfondiscono la consuetudine di pregare per i famigliari e gli amici defunti.

ebook scaricabili gratuitamente

Lettere e messaggi del Prelato

Lettera del prelato (5 febbraio 2020)

In occasione del 90º anniversario del 14 febbraio 1930, mons. Ocáriz ci invita a rendere abbondanti grazie a Dio per questo dono che ha concesso all'Opera e alla Chiesa.

Carissimi, Gesù mi protegga le mie figlie e i miei figli!

Ogni anno nell’Opera il 14 febbraio è un giorno in cui intensifichiamo l’abituale disposizione di riconoscenza verso il Signore nel ricordo delle date fondazionali del 1930 e del 1943. Questa volta festeggiamo con particolare rilievo, perché si compiono 90 anni da quando san Josemaría vide che Dio chiamava anche le donne alla missione che aveva avuto inizio ...

Testo del giorno

“Io confido in Te, so che sei mio Padre”

Gesù prega nell'orto: Pater mi (Mt 26, 39), Abba, Pater! (Mc 14, 36). Dio è mio Padre, anche se mi manda sofferenze. Mi ama con tenerezza, anche se mi ferisce. Gesù soffre, per compiere la Volontà del Padre... E io, che a mia volta voglio compiere la santissima Volontà di Dio, seguendo le orme del Maestro, potrò lamentarmi se trovo la sofferenza come compagna di strada?

Sarà un segno certo della mia filiazione, perché Egli mi tratta come il suo divino Figlio. E, da allora, come Lui, potrò gemere e piangere solo nel mio Getsemani, ma, prostrato a terra, riconoscendo il mio nulla, salirà fino al Signore un grido sgorgato dall'intimo della mia anima: Pater mi, Abba, Pater,... fiat! (Via Crucis, 1ª Stazione, n. 1 ...