Tracce nella neve (IV) : Amore ardente per la Chiesa e per il Papa

"Grazie alla direzione spirituale, a poco a poco ho cominciato a discernere la chiamata un po’ speciale del Signore su di me. Ero ben chiamata ad essere contemplativa, ma non in mezzo al mondo come membro dell'Opera"

Opus Dei - Tracce nella neve (IV) : Amore ardente per la Chiesa e per il Papa

Ho incontrato l'Opus Dei a Zurigo in un corso di tedesco che stava organizzando. Fin dall'inizio, sono rimasta colpita dalla gioia, non avevo mai visto persone così radiose per la loro fede.

Qualche anno dopo, ho attraversato un periodo piuttosto difficile e sono rimasta infinitamente toccata da tutta la tenerezza che ricevevo ogni volta che andavo al centro. In questo delicato periodo, ho sentito il bisogno di andarmene, di cambiare idea. Sognavo di andare in America Latina, in Perù, ma ovunque provassi le risposte erano negative.

In Opus Dei mi è stato detto: non lontano da Lima c'è una casa, se si vuole andare lì, vi accoglieremo con gioia. Questo soggiorno mi ha cambiato radicalmente la vita. Il calore umano dell'America Latina è indicibile, ma soprattutto ho incontrato davvero il Signore lì. Mi hanno insegnato a pregare, ogni giorno c'era una messa. Quando sono tornata in Svizzera, era impossibile fermarsi!

È la via dell'amore - concreto, generoso, preciso e gioioso - e l'amore ardente per la Chiesa e per il Papa che mi segna di più nel suo carisma.

Per diversi anni ho continuato ad essere vicina all'Opus Dei e grazie alla direzione spirituale, a poco a poco ho cominciato a discernere la chiamata un po’ speciale del Signore su di me. Ero ben chiamata ad essere contemplativo, ma non in mezzo al mondo come membro dell'Opera. Non mi bastava più avere la Messa e la preghiera al centro dei miei giorni, volevo che queste attività fossero TUTTA la mia vita. Ed è stato qualcuno dell'Opus Dei che mi ha parlato della Famiglia Monastica di Betlemme, che non conoscevo. Era lì che il Signore mi aspettava per tutta l'eternità.

Continuo ad essere in regolare contatto con l'Opus Dei, ma è soprattutto nella mia vita quotidiana che la spiritualità del lavoro è molto presente.

È la via dell'amore - concreto, generoso, preciso e gioioso - e l'amore ardente per la Chiesa e per il Papa che mi segna di più nel suo carisma. Sì, come dice l'Apostolo, ognuno di noi riceve la sua parte di grazia divina proprio per l'edificazione del Corpo di Cristo che è la Chiesa (Ef 4,8-12).

"Benedetto sei Tu, Spirito Santo, Principe dell'unità nella diversità e ricchezza di doni e carismi perché la Chiesa sia sempre più Sposa Immacolata di Cristo e Madre feconda di tutti i figli del Padre. "Amen".

Sorella Damorah, sorella di Betlemme, dell'Assunzione della Vergine Maria e di San Bruno.