«Non sono storico» Dan Brown si scusa

Le critiche cattoliche al "Codice da Vinci": Dan Brown si scusa.

Dall'Opus Dei

Dan Brown, l'autore di «Il codice da Vinci», che è dispiaciuto ai cattolici, si difende sul suo sito Internet e si scusa: Il suo - dice - è un romanzo, frutto di fantasia, non la verità storica. «Il codice da Vinci», aggiunge, non è contro i cristiani. C'è chi ha proclamato questa storia «pericolosa, eretica e anticristiana. Mi dispiace di aver offeso queste persone». Dan Brown si scusa anche con l'Opus Dei e dice che avrebbe voluto offrire «una rappresentazione onesta ed equilibrata». Lo scrittore si difende e sostiene che alcuni religiosi e alcune religiose lo hanno ringraziato perché il romanzo - con tutti i distinguo - avrebbe comunque «rinnovato l'interesse per la fede e la storia del cristianesimo».

(da Avvenire del 21 aprile 2005)

Dan Brown, autore del bestseller “Il Codice da Vinci” ha deciso di difendersi dalle accuse dopo le stroncature che numerosi ambienti cattolici (dal cardinale Tarciso Bertone. arcivescovo di Genova, all’Opus Dei) hanno rivolto al suo romanzo, che ha già venduto 25 milioni di copie. Sul suo sito internet, lo scrittore si difende e si scusa, precisando che non è sua intenzione offendere i sentimenti religiosi dei cristiani.

(da Il Messaggero del 26 aprile 2005)