In Tailandia 14 battesimi, cresime e matrimoni

Nel nord est della Tailandia, tra le montagne in cui vivono le tribù Karens, al confine con la Birmania, si trova una cappella dedicata alla santissima Vergine a san Josemaría.

Notizie

Nel nord est della Tailandia, tra le montagne in cui vivono le tribù Karens, al confine con la Birmania, si trova una cappella dedicata alla santissima Vergine a san Josemaría.

Pubblichiamo la lettera che Padre Alain, che ha inaugurato la Cappella Santa Maria-San Josemaría, ha scritto ai suoi amici francesi che hanno finanziato questo progetto.

Carissimi amici,

Eccola qui, l’ho già benedetta, è stata terminata! Vi mando queste foto perchè ve ne rendiate conto anche voi. Tutti qui la trovano bellissima … vediamo cosa ne pensate voi a Chaville! Tutto è al suo posto, la santissima Vergine e San Josemaría. Non abbiamo ancora il Tabernacolo, perchè sono troppo pochi i battezzati da queste parti. Nessuno sa nemmeno cosa sia l’Adorazione.

Ho benedetto la cappella sabato mattina. Quella sera ci siamo riuniti in una casa per festeggiare, cantare e fare una lezione di catechismo. Pioveva a catinelle, e siamo uscite per tre ore di camminata. Una festa tailandese, molto partecipata, con l’uccisione di tre maialini, tutto molto ben festeggiato.

È venuta molta gente a Messa, cristiani dei quartieri vicini e anche molti che non lo sono. Abbiamo celebrato una Messa molto bella. Tutti intorno alla cappella, il vicario generale ha benedetto le colonne (il santuario è stato costruito su colonne) e tagliato il nastro. Abbiamo applaudito come pazzi. Dopo aver benedetto la campana abbiamo pregato. La campana ha quindi fatto sentire i suoi primi rintocchi. Abbiamo applaudito, ma meno, perchè ci facevano male le mani per gli altri precedenti applausi. Poi, il vicario generale ha aperto solennemente le porte e siamo entrati cantando: «Ti seguirò». Sembrava un pò pop a motivo delle chitarre.

Quindi, la Messa: hanno ricevuto il battesimo 14 persone, hanno fatto la cresima due famiglie di confessione evangelica che sono così entrate nella Chiesa Cattolica e infine due matrimoni. Riassumendo: una pura felicità!

Poco tempo dopo, ha avuto luogo il festeggiamento. Durante la notte si è svolta una veglia di orazione con tutti e un’altra sessione di catechismo. La domenica successiva ho celebrato la Santa Messa e ho raccontato la vita di san Josemaría. Tuttio erano felicissimi del loro nuovo patrono.

Intorno a questo piccolo popolo, ci sono abbastanza famiglie che sono interessate al cristianesimo. La costruzione di una chiesa ha dato loro molto coraggio: in che bella sfida ci siamo buttati! La fede degli abitanti è recente e fragile. Dovete continuare a pregare. Fa un pò paura, perchè al diavolo non piacciono tanto questi momenti di gioia, ma lo Spirito Santo può di più. Un catechista va a trovarli spesso e io celebro la Messa da loro una volta al mese.

Grazie davvero per tutto quello che avete fatto per noi. Abbiamo pregato per voi il giorno dell’inaugurazione. Grazie per aver fatto sì che questa gente abbia un luogo santo e un luogo dove Dio può stare in mezzo a loro. Se conoscete altri benefattori disposti a costruire cappelle, ne ho altre quattro in mente! Grazie, grazie, grazie!!!

Il pittore Gary Chu, di Hong-Kong, buddista, devoto di san Josemaría ha dipinto il quadro, la cappella è stata inaugurata il 15 Maggio 2004.