A quale tipo di persone si rivolgeva San Josemaría agli inizi dell’Opus Dei?

Si rivolgeva sacerdotalmente a molte persone dei più diversi ambienti sociali.

Aspetti storici
Opus Dei - A quale tipo di persone si rivolgeva San Josemaría agli inizi dell’Opus Dei?

Si rivolgeva sacerdotalmente a molte persone dei più diversi ambienti sociali. Dedicava i migliori momenti della sua giovinezza, in qualità di cappellano del Patronato degli Infermi delle Dame Apostoliche, alla cura di numerosi malati e bambini invalidi dei quartieri poveri di Madrid.

“Non doveva, a motivo del suo incarico, occuparsi dello straordinario lavoro che veniva svolto dal Patronato fra i poveri e i malati in generale, con i bisognosi -- della Madrid di allora.

Tuttavia, don Josemaría approfittò della circostanza della nomina a Cappellano per dedicarsi generosamente, con sacrificio e disinteresse, a un ingente numero di poveri e di malati che giungevano alla portata del suo cuore sacerdotale”

(VÁZQUEZ DE PRADA, A., Il Fondatore dell’Opus Dei. Biografia di San Josemaría Escrivá , Vol. I: Signore, fa’ che io veda! Leonardo International, 2003, pag.254).

Frequentava persone che si trovavano nel bisogno, nei quartieri malfamati o nei “cortili” popolari o dei quartieri infimi di Madrid, e anche centinaia di malati, molti dei quali senza speranza di guarigione, negli ospedali.

Ricorda José Ramón Herrero Fontana: “Conservo questa immagine registrata nell’anima: il Padre, inginocchiato accanto ad un malato disteso sopra un giaciglio sul pavimento, mentre lo incoraggia e lo rincuora dicendogli parole di speranza. Questa immagine non mi si cancella dalla memoria: il Padre, accanto al capezzale di quel moribondo, mentre lo consola e gli parla di Dio… Una immagine che riflette e riassume ciò che furono quegli anni della sua vita” (CEJAS, J.M., José María Somoano en los comienzos del Opus Dei, Rialp, Madrid 1995, p. 96).

—Cfr. GONZÁLEZ SIMANCAS Y LACASA, J., San Josemaría entre los enfermos de Madrid (1927-1931), en «STUDIA ET DOCUMENTA», Rivista dell´Istituto Storico San Josemaría Escrivá, vol. 2 (2008), Roma, pp. 147-203.

Allo stesso tempo frequentava molte altre persone: studenti e professori universitari, operai, commercianti, artisti, ecc.

La sua fu sempre una predicazione sacerdotale. Ciò sorprendeva sempre molto in quell’ambiente tanto propenso a mescolare le questioni politiche e quelle religiose. San Josemarίa era conosciuto da tutti come un sacerdote che parlava unicamente di Dio, incoraggiando al perdono e alla mutua comprensione. Lavorava gomito a gomito per la realizzazione di nobili ideali anche se unito a persone che la pensavano in modo diverso. Questo, per contro, rendeva ancora più attraente la sua predicazione.