Il cinema e Dio, i film consigliati per la Settimana Santa

In occasione della Settimana Santa, proponiamo sette film che possono aiutarci a introdurci con pienezza di spirito nella Settimana Santa.

L'Opus Dei in Svizzera
Opus Dei - Il cinema e Dio, i film consigliati per la Settimana Santa

Il cinema ha trovato sempre nella storia cristiana, e per di più, nel Vangelo, una fonte incommensurabile di storie da raccontare. In occasione della Settimana Santa, proponiamo sette film che possono aiutarci a introdurci con pienezza di spirito nella Settimana Santa.

  1. The Passion (2004) scritta e diretta da Mel Gibson e interpretato da James Caviezel, racconta la Passione di Cristo, basandosi nei scritti della mistica tedesca Santa Catalina di Emmerick.
  2. Risen (2016) scritta e diretta da Kevin Reynolds, racconta la storia di Clavio, un tribuno militare romano e il suo aiutante, a chi Ponzio Pilato comanda di assicurarsi che i seguaci di Gesù non rubino il suo corpo e dichiarino la sua risurrezione. La Risurrezione di Gesù raccontata da un non credente.
  3. The Human Experience (2008) Documentario che risponde alla domanda “Cosa significa essere umani?” da New York, Peru e Ghana.
  4. Quo Vadis (1951) tratto dall'omonimo romanzo di Henryk Sienkiewicz. La storia racconta la vita dei primi cristiani a Roma durante la persecuzione di Nerone e il martirio di Pietro.
  5. Ben Hur (1959/2016) diretto da William Wyler, con Charlton Heston nel ruolo del protagonista. Narra la storia del principe ebreo Judah Ben-Hur, tradito dal suo vecchio amico d'infanzia, il tribuno romano Messala. Ben Hur si incontrerà con Cristo e la Providenza lungo il suo percorso verso la vendetta contro Messala. Nel 2016 è uscito un altro film sotto lo stesso nome, dove la presenza di Cristo nel film si fa più incisiva.
  6. Sotto il cielo di Roma (2010) : Racconta il ruolo di Pio XII nella protezione dei giudei durante la persecuzione a Roma da parte dei nazisti.
  7. There be Dragons. Un Santo nella Tempesta (2011): Il giornalista spagnolo Robert è incaricato di scrivere una biografia sul prete aragonese Josemaría Escrivá. Il giornalista scopre che il padre era stato un suo amico d'infanzia, con cui ha avuto un rapporto complicato. Una storia che parla dell’amore, la famiglia, l’amicizia e il perdono.